News — 26 Maggio 2014

DDT

presenta:
Diversi Dirompenti Teatri/Diversi Teatri delle Diversità
(Different Disruptives Theaters/Different Diversity’s Theaters)
26 maggio–2 giugno 2014
5ª edizione
Imola
ExTRAVAGANTIS
NUOVA ASSOCIAZIONE TEATRO INTEGRATOlocandina-programma
E
vi preghiamo
quello che succede ogni giorno
non trovatelo naturale.
Di n
ulla sia detto: è naturale
in questi tempi di sanguinoso smarrimento,
ordinato disordine, pianificato arbitrio,
disumana umanità,
così che nulla valga come cosa immutabile.
Bertolt Brecht (da “
L’eccezione e la regola”
, 1930)
DDT, alla V edizione
nel 2014, cambia nome e privilegia, fra i due acronimi, quello che mette
l’accento sul festival come luogo di sperimentazione, anteponendolo all’originaria quindi più
antica dicitura: Diversi Teatri delle Diversità. Non è casuale questo spostamento, poich
é il dato
saliente di questo festival è
, ora,
farsi
cantiere di proposte artistiche innovative (nel rapporto con
il pubblico, con lo spazio scenico…) e
dimostrazione della vitalità della ricerca artistica con
persone e in contesti magari ritenuti “marginal
i”. DDT conferma quello che molti artisti hanno
messo su carta, detto, cantato, dipinto, messo in scena: che è negli anfratti, nei luoghi d’ombra,
in quello che viene nascosto o tolto dalla luce, che spesso si trovano originali espressioni,
innovative moda
lità, lucide visioni critiche e/o visionarie intuizioni, premonizioni di futuro,
rivelazioni di verità profonde e universali, che non valgono quindi soltanto per speciali
“categorie” di persone, abitanti del margine.
Ma negli anfratti, in questi tempi ama
ri, sono finite molte cose, tra cui, certamente non a caso, la
cultura e l’arte. Resistono sostanzialmente come esibizione ma faticano a costituirsi come
opportunità per le persone, di espressione, di acquisizione di strumenti di libertà.
DDT, contro corr
ente, nel suo piccolo dovuto all’esiguità dei finanziamenti, mette in cartellone,
nell’arco di una settimana, dal 26 maggio al 2 giugno 2014, tutte occasioni partecipate, da
spettacoli finali di laboratori ad altri laboratori che invece porteranno alla cre
azione in loco di
performance, e non soltanto teatrali.
DDT rinuncia a farsi rassegna di spettacoli “acquistati”,
anche (ma non solo)
perché acquistarli
non può, e rafforza la parte di creazione in loco, stabilendo relazioni tra artisti e arti… sempre
an
dando oltre (extra
vagando).
DDT
Diversi Dirompenti Teatri/
Diversi Teatri delle Diversità
Pensato come un piccolo laboratorio, l’incontro (in lingua inglese con traduzione ad o
pera di
Pina Piccolo) approfondirà la genesi di “100Thousand Poets for Change”* e il significato di
“attivismo”, il poeta impegnato nella poesia contemporanea. Si esamineranno esempi dai
“Diari del giorno”
vedi i poeti statunitensi Philip Whalen, Joanne
Kyger, Michael Rothenberg
e si proporranno esercitazioni per dimostrare l’efficacia di questo tipo di diario nell’integrazione
del pensiero poetico e dell’agire per cambiare la società, incorporando aspetti di identità,
persona pubblica e persona privat
a, etc..
*Nel 2011 i poeti Michael Rothenberg a
Terri Carrion lanciano un appello a tutti
i poeti del mondo chiedendo di utilizzare
la poesia per veicolare l’urgenza di
cambiamenti a
livello sociale,
economico, politico, ambientale. Nasce
così 100Tho
usand Poets for Change, un
movimento che ha continuato a
evolversi
,
finendo per riunire nei suoi
eventi di lettura poetica simultanea fino
a 600 città in 115 diversi paesi del
mondo, tra cui Bologna.
Foto di Massimo Golfieri. Inizio performance in
collabo
razione con “100TPC
Bologna”:
DDT
2013
LUNEDÌ 26 MAGGIO
Ore 9
12
Sala San Francesco
BIM
(Via Emilia, 80)
LABORATORIO “DIARIO POETICO DELLA GIORNATA E ATTIVISMO”
Incontro tra Michael Rothenberg, Terri Carrion e classi degli Istituti d’Istruzione
Superior
e di Imola
,
a cura di “100TPC
*
Bologna”, in collaborazione con l’Assessorato alla
Cultura del Comune di Imola.
Ragazze e ragazzi di Imola saranno coinvolti in un’esperienza
abbastanza rara in Italia: tre ore di discussione su attivismo poetico e l’elabor
azione di un
proprio “diario poetico della giornata” in cui si saldano quotidianità e riflessioni poetiche su
argomenti più vasti che scaturiscono dal proprio vissuto.

MERCOLEDÌ 28 MAGGIO
Ore 20.30 e ore 22
IIS “Francesco Alberghetti”
(Via San Benedetto, 10)
“@TTRAVERSO IL DIRITTO A/ALLA SCUOLA”,
spettacolo
finale del laboratorio
fotograficoteatrale (o teatral
fotograf
ico…) “@ttraverso
Il diritto a/lla scuola
”, proposto dal
gruppo di “Amnesty International” di Imola ai ragazzi delle Scuole Superiori.
A cura di Antonio Falzetti, Marina Mazzolani, Alessandro Grancitelli, Licia Todisco, Alessandra
Donattini, Alessia Gald
o.
In collaborazione con: Ca’ Vaina, Associazione Namast
è
.
Con: Federico Baris, Filippo Baroncini, Marium Bevi, Simona Buccolieri, Martina Cornazzani,
Lorenzo Dall’Olio, Deborah Farolfi, Matteo Galeotti, Lorena Guerrini, Dimos Kafousis, Samanta
Mano, Sara
Menabeni, Federica Scolamiero, Chiara Sozzi.
Il laboratorio è stato un’occasione per confrontarsi sull’andare a scuola, su quali siano le
condizioni, gli ambienti, le relazioni, con i coetanei e con gli adulti, quali le aspettative, cosa possa
essere inc
luso, rivelato, di noi, nel contesto scolastico fino alle Superiori, cosa invece resti fuori,
della nostra personalità e dei nostri sogni. Questa ricerca, assieme a ragazzi di diversi Istituti
imolesi, è stata poi messa a confronto con il vissuto dei ragaz
zi indiani coinvolti da “Namastè
Onore a Te Onlus”, che, da lontano, hanno dialogato con noi. Questo viaggio collettivo, che è stato
anche opportunità per accostarsi alla fotografia e al teatro, viene restituito al pubblico con una
performance per corpi e
voci dal vivo e per immagini.
Un particolare e sentito ringraziamento al Dirigente dell’IIS “F. Alberghetti” e al personale dell’Istituto
coinvolto dalle prove e dallo spettacolo, per la loro grande disponibilità.
GIOVEDÌ 29 MAGGIO
Ore 17
20
Aul
a Magna Istituto Professionale “Cassiano da Imola
” (
Viale Dante, 1/A
ingresso Via Ariosto)
IL TEATRO A SCUOLA: le valenze, le necessità.
Confronto sulle esperienze teatrali
in atto nel nostro territorio
, sui loro obiettivi, sulle metodologie, sui risulta
ti ottenuti, sulle
difficoltà incontrate, sui possibili sviluppi.
Il teatro fatto a scuola ha sue specifiche valenze rispetto al teatro in altri contesti: si incontra e si
scontra con le esigenze della scuola, le soddisfa, le provoca, le elude. Ma, in cos
a e per cosa
l’esperienza teatrale può essere ritenuta importante? Dove si colloca, l’esperienza teatrale, nel
panorama attuale? Riesce in effetti a collocarsi? In particolare: come si propone all’interno della
scuola, e con quali obiettivi?
Il festival DD
T, interessato per definizione soprattutto al teatro che lavora con e per le persone,
soprattutto in laboratorio, propone la scuola come ambito di indagine privilegiato per questa
edizione, offrendo un’occasione di confronto e scambio fra operatori teatral
i e operatori della
scuola, rappresentanti di Istituzioni e Servizi del territorio.
Si ringraziano i partecipanti, scusandoci
per
non aver avuto il tempo
di inserire i loro nomi.
INGRESSO LIBERO
(Offerta libera a “Namastè Onore a Te Onlus”)
Lo spettac
olo, itinerante, è per un pubblico
di massimo 60 persone alla volta. Sono
previste due repliche nella stessa serata, ed
è consigliabile informare della propria
presenza, per assicurarsi l’entrata.
INFO E PRENOTAZIONE INGRESSI:
Cell.: 3392294412
Email:
e
x
ra
vagantis
.
teatrointegrato@gmail.com

Share

About Author

admin

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.