Blog — 31 Maggio 2012

http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?titolo=Emilia%2C+un+bilancio+tragico%3A+16+morti%2C+350+feriti&idSezione=16017

Emilia: Vasco Errani commissario alla ricostruzione

Dopo il terremoto. Decisione del governo. Finora 17 le vittime e 15.000 gli sfollati.

Angelo Angeli
Vasco Errani, presidente della Regione Emilia-Romagna, è stato nominato dal presidnte del Consiglio Mario Monti commissario per la ricostruzione.
La nomina giunge quanto mai opportuna perché si tratta di coordinare una serie impressionanti di interventi.
Il Consiglio dei ministri, inoltre, ha esteso lo stato di emergenza alle Province di Reggio Emilia e Rovigo e ha affidato ai sindaci dei Comuni colpiti dal sisma le funzioni di vicecommissari
 

Già 15.000 sfollati

Sono state 41, intanto, le scosse di terremoto registrate durante la notte nella zona dell’Emilia Romagna colpita in dieci giorni da due violenti sismi di magnitudo 5.9 e 5.8, che hanno causato un totale di 23 morti, un disperso e circa 15.000 sfollati.
 

41 scosse fino alle 5 di stamattina

Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), delle scosse registrate dalla mezzanotte alle 5,15 di oggi la più forte è stata alle 3,54, con magnitudo 3,4 ed epicentro in prossimità dei comuni modenesi di Camposanto, Cavezzo, Medolla, Mirandola e San Felice sul Panaro e di quello mantovano di San Giovanni del Dosso.
Ma alle 41 scosse notturne, occorre aggiungerne altre due: alle 7, 07 e alle 7,21 di questa mattina ce ne sono state altre due. La più forte è stata la prima: 3,3 scala Richter.
Attese misure dal Consiglio dei ministri che si riunisce questa mattina.
 

L’elenco delle vittime

Questi i nomi delle sedici vittime di ieri: a Medolla è deceduto Paolo Siclari, più altre due persone
ancora da identificare sotto le macerie dell’azienda Haemotronic.
A Mirandola sono deceduti Mauro Mantovani, Enea Grilli, Eddy Borghi, Vincenzo Iacono e Hou Hongli, cittadino cinese.
A Cavezzo le vittime sono Iva Contini, Daniela Salvioli ed Enzo Borghi. 
A Concordia è morto Sergio Cobellini. 
A Rovereto di Novi il parroco don Ivan Martini. 
A San Felice hanno perso la vita Gianni Bignardi, Mohamad Azarg e Kumar Pawan.

 

Sotto le macerie a Medolla

Non ce l’ha fatta, è morto anche il quarto operaio rimasto sotto le macerie all’Haemotronic di Medolla.

 

Un bilancio tragico: 16 morti, un disperso

È un bilancio tragico oltre ogni dire quello delle scosse di terremoto che martedì 29 maggio hanno ancora sconvolto Bologna e l’Emilia. Alla fine di una giornata durrissima e tesa i morti accertati sono 17, i feriti 350, 13.000 gli sfollati.
Peggio che nella notte del 20 maggio, quando il sisma colpì per la prima volta.
Nel corso della giornata si sono succedute scosse una più forte dell’altra.
E per l’Ingv non è ancora finita. Altri sommovimenti della stessa forma – afferma un comunicato – potranno ancora verificarsi.
 

Una donna salvata a Cavezzo

Una donna è stata appena estratta viva dalle macerie a Cavezzo, uno dei comuni più colpiti dalle scosse di oggi. Lo si apprende dai Vigili del Fuoco.
Caricata in ambulanza intorno alle 21, lo donna, che ha 65 anni, è stata portata in un ospedale di Modena. E’ rimasta vittima di una premura: era infatti rientrata in casa, in un palazzo di quattro piani via Primo Maggio, nel centro storico distrutto di Cavezzo, per recuperare alcuni indumenti dopo la scossa delle 9 del mattino. Poi il crollo che l’ha travolta. Il palazzo, si apprende, si è interamente sbriciolato. La donna si è salvata perché protetta dalla spalliera del letto.
 

 

L’ultimo bilancio della Protezione civile

 
di 16 vittime, un disperso e circa 350 feriti l’ultimo bilancio ufficiale del sisma di questa mattina in Emilia-Romagna diffuso dalla Protezione civile.
“Il sistema di risposta attivato dal Dipartimento della Protezione Civile è pienamente operativo, potenziando quello già esistente in seguito al sisma del 20 maggio”, precisa una nota.
“L’istituzione di un altro Centro Coordinamento Soccorsi a Bologna – ha fatto sapere la Protezione civile – va a potenziare il modello d’intervento attivato sul territorio.
Le Organizzazioni Nazionali e Regionali di volontariato di Protezione Civile hanno messo a disposizione ulteriori moduli assistenziali, posti letto e servizi. Oltre ad un ampliamento del 20% della capacità ricettiva delle aree di accoglienza già attivate”.

 

8 carrozze delle Ferrovie

Le Ferrovie dello Stato e Nucleo Genio Ferrovieri hanno messo a disposizione 8 carrozze che arriveranno in serata nel comune di Crevalcore per ospitare circa 400 persone. Conseguentemente sono stati attivati risorse e mezzi per ospitare oltre 4.000 persone da assistere nelle strutture campali. Sempre da stasera saranno disponibili ulteriori posti in strutture alberghiere grazie al potenziamento degli accordi tra la Regione Emilia Romagna e le associazioni di categoria degli albergatori. Al lavoro nelle zone colpite duramente dal sisma sono circa 4.000 unità e 760 mezzi del sistema di Protezione Civile. “Tutte le strutture operative stanno lavorando per assicurare alla popolazione coinvolta la massima assistenza – conclude la protezione civile – e ridurre i disagi di un evento che ha severamente colpito i cittadini ed il territorio”.

 

 

Una tragedia che si è aggravata di ora in ora

Le vittime salgono a 11: questo il nuovo tragico bilancio della nuova fortissima scossa di terremoto, da 5,8 della scala Richter, praticamente della stessa intensità di quella che ha devastato diversi centri dell’Emilia nella notte tra sabato e domenica 20 maggio, avvertita poco prima delle 9 in Emilia, a Milano e in diversi centri del Nord.
L’epicentro è a Medolla, vicino a Carpi, nel modenese. Secondo l’Ingv le scosse sono state due: una alle 9 di stamattina, di intensità maggiore, e l’altra alle 9,09 di 4 gradi Richter.
 

Nuove scosse alle 12,56 e alle 13

Alle 12,56 c’è una nuova, fortissima scossa pari a 5,3 di magnitudo. Con epicentro sempre nel modenese.
Ancora, una seconda alle 13, avvertita da Bologna a Milano. Anche questa è durata diversi secondi. Molte persone sono scese in strada. L’epicentro è a Novi di Modena, profondità 11 km.
 
 

Ecavuati i Comuni di Bologna e Modena

In via precauzionale, sono stati evacuati i Comuni di Modena e Bologna (Palazzo d’Accursio).

Alle 14.30 si terrà una conferenza stampa nel Cortile del Pozzo di Palazzo d’Accursio. Lo riferisce una nota del Comune. Personale fuori dagli uffici anche in Regione.

Le 11 vittime: anche un parroco

Il nuovo bilancio delle vittime – 11 – è stato comunicato dalla Regione Emilia Romagna. i decessi si sono verificati tutti nel modenese: a Mirandola, San Felice, Concordia, Finale, Novi, Cavezzo, Medolla e Cento.
Il sindaco di San Felice sul Panaro dichiara a SkyTg24 che ci sono delle persone sotto le macerie.  Tre morti si contano a San Felice, nel crollo della azienda Meta, 2 a Mirandola, 1 a Concordia, 1 a Finale. 
Tra loro c’è anche il parroco di Rovereto di Novi (una frazione vicino Carpi), travolto dal crollo di una trave in chiesa. L’ultima è una donna morta a Cavezzo.
 
 

Crollano altri capannoni: muoiono 3 operai

 

Tra le altre vittime, tre operai sono morti per il crollo di un capannone industriale a San Felice sul Panaro; e sempre sotto le macerie di un capannone hanno perso la vita due persone a Mirandola, dove è crollato il duomo (nella foto).

 
 

Treni: riaperte le linee

La scossa di terremoto ha anche causato deviazioni alla circolazione ferroviaria interrotta alla stazione di Bologna. Alle 12,40, Trenitalia ha annunciato di aver riaperto tutte le linee.

Si parla di una nuova faglia

La gente, spaventata, si è riversata nelle strade, le comunicazioni sui cellulari sono andate in tilt.
Si parla di nuovi crolli nelle zone già colpite. Vi sarebbero anche alcuni feriti, ma le notizie sono ancora incerte.
Gli esperti parlano di una nuova faglia dopo quella del 20 maggio.
 
 
 

A Bologna negozi svuotati

 
Nel centro storico di Bologna la scossa è stata avvertita in tutta la sua forza. I negozi si sono svuotati. Commesse, commessi e chi doveva fare a spesa si sono riversati in strada, dove i lampioni dell’illuminazione pubblica hanno continuato a tremare per più di dieci secondi.
Il movimento è sembrato di tipo ondulatorio e lo spavento è stato grande.
 
 

Nuovi crolli a Mirandola, Finale Emilia e San Felice sul Panaro

Nuovi crolli si sono registrati a Mirandola, Finale Emilia e San Felice sul Panaro, paesi già colpiti dalla scossa del 20 maggio. A Mirandola sarebbe crollato il duomo. È crollata anche la torre di San Felice sul Panaro.
Sono in corso le verifiche dei vigili del fuoco e della Protezione civile.
In diverse zone dell’Emilia la rete telefonica e quella cellulare sono fuori uso.

 

Avvertita in tutto il Nord

 
Il terremoto è stato sentito con forza anche in Lombardia, nel Veneto, in Toscana e anche Friuli Venezia Giulia. L’epicentro, a quanto pare, è nel modenese. Il capo della Protezione civile dell’Emilia-Romagna, chiamato da Radio24, parla di “alcuni feriti”, mentre sono già stati segnalati crolli nelle zone già colpite.
A Bologna c’è preoccupazione anche per il Santuario della Madonna di San Luca.
Nei giorni scorsi, infatti, si è formata una crepa sulla cupola del monumento.
Sia dalla soprintendenza regionale ai beni culturali sia dalla Curia arrivano però rassicurazioni: “Non c’è nessun allarme per la tenuta del santuario, è stabile”, precisa Monsignor Arturo Testi, rettore della Basilica e vicario arcivescovile. “Potrebbe trattarsi di vecchie lesioni riaperte”, ipotizza Paola Grifoni, soprintendente di Bologna.
 

Oltre 500 scosse in una settimana

Altre 11 scosse nella notte in Emilia, la più forte di intensità 2,3 della scala Richter. Nulla di grave, ma la terra continua a tremare.
Nella notte di domenica era stata registrata la scossa numero 500 e durante la mattinata di ieri lo sciame sismico è prseguito inesorabile con piccole scosse di assestamento circa ogni mezz’ora (la più forte, con magnitudo 2.9, alle 8.33). Secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia dall’inizio della sequenza, cioè dalla notte tra il 19 e il 20 maggio, gli eventi di magnitudo superiore a 5 sono stati 3 (qui la lista dei terremoti registrati); quelli con magnitudo tra 4.0 e 4.9 sono stati in totale 15.
L’Istituto ha anche predisposto nelle zone colpite, tra Ferrara e Modena, una rete di rilevazione sismica mobile per meglio cogliere anche le innumervoli scosse che si attestano attorno a magnitudo 2. Secondo gli esperti lo sciame proseguirà ancora per settimane e non sono escluse nuove scosse di una certa consistenza, seppure dovrebbe essere molto improbabile che se ne verifichino della magnitudo che ha provicato i crolli in diverse località dell’Emilia.
 

Intanto gli sfollati, ormai a una settimana esatta dal sisma, hanno raggiunto quota 7.000. Nel pomeriggio di oggi si terranno i funerali di due degli operai uccisi nel crollo dei capannoni nel ferrarese.

Ultimo aggiornamento: 31/05/12

Share

About Author

admin

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.