Blog — 05 Luglio 2012


Quest’articolo sembra volerci far abituare ai terremoti.
Cose naturali da accettare a testa bassa e culo alto.

E soprattutto tende ad escludere l’Emilia Romagna, dalle zone a rischio. Non facciano dunque gli schifiltosi gli emiliano-romagnoli e si lascino inculare tranquillamente dall’ERG Continua la campagna pubblicitaria a supporto della compagnia petrolifera che ha fatto ricorso al TAR per avere RIVARA, epicentro di tutti i terremoti degli ultimi 50 giorni (n.c.)

 

 http://www.blitzquotidiano.it/ambiente/terremoto-calabria-sicilia-abruzzo-zone-rischio-1294043/

Duemila terremoti all’anno. Ispra: “Calabria, Sicilia e Abruzzo zone a rischio”

Sismografo

ROMA –  Duemila scosse di terremoto in un solo anno. E si parla di scosse percepibili dall’uomo, ovvero di quelle che abbiano una magnitudo di almeno 2.0. Scosse che si sono verificate in Italia, soprattutto tra Calabria, Sicilia, Abruzzo e area alpina. Dal primo ottobre 2010 al 31 ottobre 2011, sono stati infatti oltre 2.000 gli eventi sismici di magnitudo locale maggiore o uguale a 2, distribuiti lungo l’arco appenninico e, in minor misura, lungo quello alpino.

Questo quanto emerge dall’Annuario dei dati ambientali 2011 presentato oggi a Roma dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), in cui si fa presente che la ”maggiore frequenza” dei terremoti ”si riscontra in territorio calabrese, abruzzese e siciliano”.
Le aree maggiormente interessate da alta pericolosità sismica in Italia, spiega infatti il report frutto del lavoro delle Agenzie ambientali, sono quelle ”localizzate nel settore friulano e lungo la dorsale appenninica centro-meridionale”, in particolare ”lungo il margine calabro tirrenico e in Sicilia orientale”.
In queste zone si sono verificati ”i più forti terremoti storici italiani, alcuni dei quali hanno raggiunto magnitudo maggiori di 7 (Calabria, Sicilia orientale e arco appenninico centro-meridionale) e intorno a 6,5 lungo tutta la catena appenninica e le Alpi orientali”.
5 luglio 2012 13:44 | Ambiente



 

Share

About Author

admin

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.