Blog — 27 Giugno 2012
dalle 3:7 (subito dopo che io ho messo il post precedente relativo a Siena) alle 5:33, per 9 volte 
i Monti IBLEI  nel sud-est della  Sicilia hanno tremato ancora sino a toccare la magnitudo di  3,7 (alle h.3:14).  
Nel silenzio generale dei media.
 Piccolo riscontro in internet e ho trovato questo articolo risalente al 2010, 
dove si registra l’intolleranza della cittadinanza nei riguardi delle trivellazioni ad opera dell’ Eni Mediterranea idrocarburi, verso la quale è stata inoltrata anche un’ordinanza di sospensione. Sarà stata rispettata? Quale l’evoluzione dei lavori? Tutti tacciono e si raccontano favole mortali per la splendida sopravvivenza che l’uomo potrebbe avere sulla Terra. Che va rispettata. Parola di Leonard Seeber, massimo esperto mondiale del settore.
Dunque ancora un caso che la Terra tremi sempre dove ci sono state o ci sono trivellazioni in corso? Basta con l’omertà! (nadia cavalera)

Di seguito il link di un articolo dove vige la rassegnazione. Rinforziamo le case e gli edifici, è il messaggio principale. Nessuno che parli di far smettere azioni che possono stuzzicare, o come dicono i tecnici, triggerare terremoti (nc)

http://www.ragusanews.com/articolo/27449/terremoto-la-paura-che-il-big-one-colpisca-la-sicilia-orientale 

http://archivio.blogsicilia.it/2010/04/ambiente-armao-no-alle-trivelle-nellarea-dei-monti-iblei/

 

Ambiente, Armao: “No alle trivelle nell’area dei monti iblei”

9 aprile 2010 – Faremo di tutto per tutelare l’area dei monti Iblei. Si tratta di un angolo di Sicilia straordinariamente ricco di testimonianze architettoniche, paesaggistiche e naturalistiche che è del tutto incompatibile con le attività legate all’estrazione di idrocarburi“.
Lo dice l’assessore regionale ai Beni culturali e all’Identità siciliana, Gaetano Armao, a proposito delle trivellazioni che la società Eni Mediterranea idrocarburi sta effettuando proprio nell’area Iblea.
“Ricordo che le trivellazioni”, sottolinea Armao, “interessano una zona che ricade dentro il Parco nazionale degli Iblei di imminente istituzione e previsto da una legge dello Stato che risale al 2007. Proprio il prossimo 30 aprile la Regione siciliana consegnerà al ministero dell’Ambiente la proposta di perimetrazione del Parco degli Iblei”.
“Nell’area degli Iblei – dice ancora l’assessore – ritroviamo un inestimabile patrimonio paesaggistico e una biodiversità testimoniata da ben sedici Siti d’interesse comunitario, cinque riserve naturali e oltre ventimila mila ettari circa di boschi demaniali. Per non parlare, poi, dei beni culturali: basti pensare che la Val di Noto, tutelata dall’Unesco in quanto iscritta alla World Heritage List, è parte integrante del Parco nazionale Ibleo. A questi si aggiungono nove siti archeologici, altri monumenti e beni etnoantropologici di grande rilevanza internazionale”.
“Questa mattina – affermato Armao – ho incontrato la sovrintendente di Ragusa, Vera Greco, che mi ha comunicato di avere già tempestivamente inviato al gruppo Eni Mediterranea idrocarburi un’ordinanza di sospensione dei lavori e ripristino dello stato dei luoghi relativa alle parti che ricadono entro la fascia di rispetto dei cento cinquanta metri dal torrente Petraro.
In ogni caso, invadere oltre dieci mila metri quadrati di territorio per effettuare ricerche petrolifere in un’area come quella Iblea è assolutamente spropositato“.
“La Sicilia – conclude l’assessore – non può diventare né la piattaforma di iniziative inquinanti, né luogo di diffusione indiscriminata di energie alternative di tipo industriale. Tutte cose che, tirando le somme, non solo servono a poco, ma deturpano un paesaggio che è il più grande bene economico della nostra terra. È questo il nostro petrolio e non quello che vorrebbero estrarre depauperando il nostro paesaggio o coronando le nostre colline di pale eoliche”.

Fonte: CS – Regione Siciliana

Per informazioni

Direzione generale per le risorse minerarie ed energetiche
AREE DI INTERESSE

  • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td>RICERCA DI IDROCARBURI</td>
</tr>
</tbody>
</table>
</li>
<li style=
    >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td>COLTIVAZIONE DI IDROCARBURI</td>
</tr>
</tbody>
</table>
</li>
<li style=
    >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td>STOCCAGGIO DI GAS NATURALE</td>
</tr>
</tbody>
</table>
</li>
<li style=
    >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td>CATTURA E STOCCAGGIO DEL BIOSSIDO DI CARBONIO</td>
</tr>
</tbody>
</table>
</li>
<li style=
    >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td>GEOTERMIA</td>
</tr>
</tbody>
</table>
</li>
<li style=
    >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td>MINERALI SOLIDI</td>
</tr>
</tbody>
</table>
</li>
<li style=
    >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td>AREA INTERNAZIONALE</td>
</tr>
</tbody>
</table>
</li>
<li style=
    >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td>METANIZZAZIONE DEL MEZZOGIORNO</td>
</tr>
</tbody>
</table>
</li>
</ul>
</div>
</div>
<div>
<div>PUBBLICAZIONI E SERVIZI</div>
<div>
<ul>
<li>
<table border=
    >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Bollettino ufficiale degli idrocarburi e delle georisorse
  • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Rapporto annuale
  • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Cartografia
  • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Elenco esplosivi
  • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Nulla osta minerario per fonti rinnovabili
  • INFORMAZIONI
    • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Chi siamo
    • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=L’UNMIG
    • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=La CIRM
    • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Normativa
    • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Domande frequenti
    • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Archivio notizie
    • >” src=”http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/immagini/portale/freccetta.gif” /></td>
<td><a href=Link utili

    Piattaforme marine e strutture assimilabili

    Scheda della piattaforma
    GELA
    Torna alla pagina precedente

    Codice 235
    Denominazione   GELA
    Anno costruzione 1988
    Tipo pontile
    Minerale OLIO
    Operatore ENI MEDITERRANEA IDROCARBURI
    Titolo minerario C.C 1.AG
    Scadenza titolo 18/08/2012
    Collegata alla centrale   NUOVO CENTRO OLIO GELA
    Zona ZC
    Foglio 917/M
    Longitudine   14°16’10,67”
    Latitudine 37°01’53,44”
    Distanza costa   2 Km
    Altezza SLM 11 m
    Profondità fondale   10 m
    Dimensioni 68 x 21 m
    Foto

    Note
    GELA1 e GELA CLUSTER unite in unica struttura

    Visualizza in Google maps
    Nota: La visualizzazione in Google Maps ha soltanto valore indicativo.
    Il dato ufficiale è rappresentato dalle coordinate geografiche sopra riportate.

    Pozzi in produzione  (4)
    1.   GELA 073 DIR
    2.   GELA 077 DIR
    3.   GELA 078 DIR
    4.   GELA 088 DIR

    Pozzi produttivi non eroganti  (7)
    1.   GELA 021
    2.   GELA 065 DIR
    3.   GELA 070 DIR
    4.   GELA 074 DIR
    5.   GELA 087 DIR
    6.   GELA 089 DIR A
    7.   GELA 090 DIR A

    Share

    About Author

    admin

    (0) Readers Comments

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.