Blog — 04 Luglio 2012

Ci sarà una commissione d’inchiesta internazionale per vederci chiaro sulle relazioni tra fracking e terremoto. Varrà per L’Emilia Romagna , ma in seguito risulterà utile per tutti i siti coinvolti.
Meno male. Finalmente sta entrando nelle coscienze che non si tratta di favole metropolitane, ma di dure verità. Non saranno i concerti o le raccolte di denaro ad aiutare veramente la popolazione colpita dal terremoto (per me, indotto), ma l’impegno ad operare perché questo non si verifichi di nuovo e con conseguenze peggiori (ventilate peraltro proprio dalla Protezione Civile in un comunicato ufficiale di giorni fa, molto contestato).

Che la relazione tra terremoto e trivellazioni sia inequivocabile mi è stata appena confermata da un altro riscontro in internet. Sono incorsa per caso in questa notizia sul sito di METEOWEB, del giorno 29 giugno 2012
“Una scossa di terremoto di magnitudo 4.7 è stata registrata alle 7:07 ora locale (le 4:07 in Italia) nel sudovest del Tagikistan. Secondo i rilievi del Servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs), il sisma ha avuto ipocentro a circa 16 km di profondità  ed epicentro 11 km a ovest di Vose  e 101 km da Dushanbe. Al momento non si hanno segnalazioni di eventuali danni a persone o cose.”
Ebbene ho fatto una piccola ricerca e ho scoperto che anche lì sono in corso trivellazioni a gogò.
La Terra tutta è violentata senza sosta e con risultati disastrosi sulla qualità della vita delle realtà coinvolte.
DIFENDIAMOCI DA POLITICHE ECONOMICHE FOLLI. DI FOLLI. LORO. (n.c)

da MODENAONLINE
http://www.modenaonline.info/it/2012/07/04/fracking-e-terremoto-in-emilia-commissione-dinchiesta-internazionale-13802

Provincia

Fracking e terremoto in Emilia: commissione d’inchiesta internazionale

mercoledì 4 luglio 2012

Perforazioni per il gas a Rivara? Il governatore Vasco Errani vuole sapere la verità. Esulta il grillino Favia: ci davano dei matti, e adesso?

MODENA – Fracking in Emilia Romagna, in particolare nella Bassa di Modena. Ci sono collegamenti con il terremoto? Dovrà essere la Commissione internazionale sulla previsione dei terremoti per la protezione civile a verificarlo. Questa almeno la richiesta che il governatore Vasco Errani, nominato commissario straordinario per la ricostruzione dal Governo, ha avanzato al capo della protezione civile Franco Gabrielli. Una battaglia per la verità vinta grazie anche all’impegno del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Giovanni Favia.
Occorre verificare vi sia un collegamento tra gli scavi di esplorazione del sottosuolo per la ricerca di siti adatti allo stoccaggio di gas (in inglese, fracking) e le fortissime scosse di terremoto che hanno così duramente colpito l’Emilia e la bassa di Mantova e Rovigo. Una lettera con intenti chiari, quella di Errani a Gabrielli, resa nota oggi in Assemblea a Bologna dal sottosegretario Alfredo Bertelli, proprio rispondendo a una risoluzione di Favia.
Nella Bassa da tempo la gente sospetta collegamenti tra quanto accaduto e gli esperimenti, sempre negati però dalla Erg per quanto riguarda il sito di Rivara. Voci che la Procura di Modena ha ritenuto sufficienti per aprire una inchiesta conoscitiva.
2In merito al dibattito che si è sviluppato sulla Rete – scrive Errani – relativamente a possibili relazioni tra le attività di esplorazione finalizzata alla ricerca di campi di idrocarburi e l’aumento dell’attività sismica nell’area interessata a dette attività, chiedo di attivare la Commissione internazionale sulla previsione dei terremoti per la protezione civile. E’ indispensabile dar corso a tale incarico al fine di ottenere un pronunciamento scientificamente autorevole finalizzato a promuovere quei chiarimenti che oggettivamente interessano tutte le amministrazioni del territorio e le popolazioni colpite dalle recenti calamità”.
Favia: la commissione d’inchiesta internazionale un colpo per chi ci prendeva in giro
“Siamo soddisfatti” – dichiara Giovanni Favia, Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle – “perché, grazie alla nostra richiesta, la Giunta ha risposto con prontezza alla proposta di istituire una Commissione di Indagine e Studio rilanciando addirittura con una ‘supercommissione’ di esperti internazionali. Molto bene, sarà senz’altro occasione per fare chiarezza e piena luce su aspetti ancora non chiari” – prosegue Favia, che si toglie un sassolino dalla scarpa – “adesso mi piacerebbe sapere cosa scriveranno e commenteranno tutti gli sputasentenze che si sono sbizzarriti nelle prese in giro, additando la nostra richiesta come complottista. Alcuni sono dell’area politica della Maggioranza che sostiene il Presidente Vasco Errani, come l’avranno presa?”.
Leggi anche

Share

About Author

admin

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.