Articoli News Prose — 23 luglio 2014

L’Umafeminità…

Per chi pensasse che l’idea è peregrina, ricordo che affonda le sue radici nel mio più lontano passato.
Da ragazza era latente nelle mie lotte per l’uguaglianza giuridica dei sessi (giusto l’amore libero non mi interessava – capivo che non era lì il punto); era insita nella mia richiesta d’abolizione della festa della donna nel 1988; era esplicita nel mio intervento del 1996, al convegno a Roma “Avanguardia e comunicazione” (oggi in “Corso Canalchiaro 26), è infine presente nella dedica del mio ultimo libro (“Ai vent’anni di Bollettario e a tutta l’umafeminità”), del 2011.
D’ora in poi mi rifiuterò sistematicamente di usare la parola “umanità”: gronda ingiustizia, violenza e sangue da tutte le parti sino a insozzare quel bello che io tanto amo e pratico per quel che posso. Spero solo di avere compagnia in questa missione.
Altrimenti procederò sola. Questa condizione non mi ha mai spaventata.

 

.

Foto: Mi dissocio da quanto avviene in questo mondo agli sgoccioli. Non nel mio nome i morti delle tante guerre volute e gestite dagli uomini Non nel mio nome le vittime di infiniti soprusi politici economici sociali etici Non nel mio nome la violenza la sopraffazione l'ingiustiza imperante Mi dissocio dalle scelte di questa UMANITA' e rilancio la nascita di un nuovo nome da cui ripartire per la costruzione di un'era nuova. Ripartiamo con l'UMAFEMINITA'. Chi è d'accordo mi invii scritti foto testi vari sull'argomento. Li pubblicherò in tempo reale. Un'utopia? forse, ma è più forte di me...
.

Share

About Author

admin

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *